Cupramontana: il verdicchio come non lo avete mai degustato

Perché degustare il Verdicchio alla Sagra dell’Uva ha un altro sapore

Cosa significa vivere una degustazione di Verdicchio, il vino  più famoso delle Marche,  all’interno della Sagra dell’Uva di Cupramontana, considerata la sua Capitale?  E’ come fare un tuffo carpiato nel bicchiere, tutti i cinque sensi sono coinvolti e l’atmosfera di festa ti prende e ti porta via.

Che l’analisi organolettica della Sagra e del suo vino abbia inizio…

verdicchio musei in grotta

Udito: il suono del divertimento

Un mix di suoni e parole: chiacchiere di amici che si fondono con risate spontanee, bicchieri che si toccano a ritmi vertiginosi, ballate popolari e stornelli che, nel corso della serata,  lasciano spazio ai più grandi pezzi della musica italiana cantati dal vivo e accompagnati dal coro di oltre tre mila persone sotto il palco.

fragustoepassione_concertilive

Vista: i colori della creatività

E’ bello osservare il mondo attraverso una lente giallo paglierino-dorata, con riflessi verdolini. Provate a guardare la Sagra dell’uva con il calice di verdicchio che avete davanti agli occhi. Cosa vedete? Io ho visto tanta passione sia dei visitatori  che degli organizzatori, tanto calorecolore ed energia. Mesi e mesi di  impegno per far sì che tutto sia pronto e perfetto. Il risultato è quell’atmosfera magica, di cui i Carri Allegorici che ogni anno sfilano e sorprendono per creatività e magnificenza, sono il più alto esempio.

carri Cupramontana

Ma quanto lavoro c’è dietro? Non ne avevo idea finchè non sono entrata nel laboratorio segreto dei carri e ho visto creature gigantesche e favolose prendere forma. Fiumi di cartapesta, tappeti di polistirolo, marchingegni stranissimi e quintalate di uva venivano manipolate e trasformate dalle sapienti mani di  ingegneri, costumisti,  grafici, meccanici e creativi. Immaginate la Casa di uno Scienziato Pazzo, moltiplicata all’ennesima potenza: più di 150 persone senza età che cercano l’idea che,  mescolata al tema del Verdicchio, li elegga  “Sovrani di Cupra” per un giorno e detentori del titolo per un anno.

Olfatto: il profumo del mosto e non solo

L’odore intenso del verdicchio, con  sentori fruttati di mela, pesca e ananas gioca a nascondino con i profumi di mosto e ciambelline appena sfornate. Sembra che ogni stand faccia a gara per inebriarti con gli odori della tradizione: cresce di polenta, gnocchi alla papera, tagliatelle al tartufo, bruschette, arrosticini sfrigolanti e cresciole fritte.  Sono i sapori genuini e succulenti di quella cucina casereccia  che ti riporta dritta dritta sulle tavole delle nonne, e tu non puoi far altro che goderne a pieni polmoni e a quattro ganasce.

fragustoepassione_Sagra dell'uva

Tatto: il contatto con le persone

Dal collo sottile e delicato del calice (degustato all’interno dell’ affascinante  MIG, i Musei in Grotta che nascondono tantissime chicche sul vino, la sua storia, le sue etichette e i suoi misteri) all’impugnatura più “ignorante”  di un bicchiere di plastica o di una bella bottiglia di Verdicchio (mentre sei seduto,  stretto stretto,  sulle panche di uno degli innumerevoli stand). Di sicuro sarà  quello il primissimo contatto con la festa che avvertirai. Ma poi, c’è il contatto con la gente, gli amici e tutte le persone che come te hanno voglia di divertirsi. E dove lo mettiamo quel desiderio bambinesco di toccare con un dito tutti  i festoni cosparsi di chicci d’uva che vedi in giro per la città?

deagustoepassione_sagra dell'uva

foto Vincenzo Molaretti

Gusto: il sapore della tradizione

Il Verdicchio  é sapido, leggermente acido e si vvertono straordinarie doti di longevità. Il sapore del tempo e della tradizione si sente  in bocca come in tutto il contesto della festa. La Sagra dell’Uva di Cupramontana è la più antica sagra delle Marche, la nonna di tutte le sagre, e il consiglio è quello di gustarsela da intenditori: lentamente, a piccoli sorsi,  per apprezzarne fino in fondo la storia, la magia e l’unicità.

fragustoepassione_sagra dell'uva

 

 

 

 

 

 

2018-10-10T09:15:40+00:00 09 ottobre 2018|Luoghi e Tour, Vino|

About the Author:

Chi è Francesca? una creme brulée, anima dolce sotto uno strato duro, durissimo di zucchero bruciato (e una punta di acidità che mi accompagna da sempre). Cerco l’equilibrio nei piatti e nella vita. Odio le cose scontate e amo le tentazioni. Gli amici mi chiamano FRA, mi piace sedermi a tavola e godermi un viaggio tra GUSTO e PASSIONE.

3 Commenti

  1. isabelle blanquart 13 ottobre 2018 al 8:11 pm - Rispondi

    Bellissimo racconto comè la Sagra !! Complimenti.

Scrivi un commento

Passione. Cosa mi piace (assaggiare&scrivere)…

 

Nella sezione SFIZI&CO, racconterò di questo e molto altro ancora.