E’ arrivato anche quest’anno  (e ovviamente anche nelle Marche) il fatidico appuntamento con la festa più romantica del mondo. Cosa fare? Dove cenare? Cosa regalare ? Che piatto intrigante sperimentare a San Valentino per non cadere nel banale?

Dopo aver illustrato  3 modi tutti marchigiani per conquistare una donna (ovviamente marchigiana) , e avervi stuzzicato lo scorso anno con diverse cene per un San Valentino non convenzionale, qui voglio offrire qualche consiglio e idea su cosa  regalare o assaggiare di davvero originale e goloso.

1. COSA ASSAGGIARE

“Roll and Juliet” per una breve ma intensa fuga  in Giappone

fragustoepassione_ San Valentino sushi

E’ decisamente più economico di un viaggio in oriente scoprire la cucina nikkei di U-bahn e può essere  un modo originale per sperimentare nuovi sapori  senza il pensiero di fare la valigia ( leggi anche la ricetta del Poke Hawaiano) . Roll and Juliet in particolare è un gustoso roll creato dalla fantasia di Jody, lo chef, che troverete nel menù solo nel week end di San Valentino. Un concentrato di rosso passione ( è completamente ricoperto di tobiko ), con un cuore caldo di gambero in tempura e una tartare di salmone speziato a conferire quel tocco piccantino e afrodisiaco che favorisce l’intesa. Con cosa accompagnarlo? Con le bollicine non si sbaglia mai , ma se volete azzardare qualcosa di più originale fatevi preparare uno speciale cocktail a base di  sakè, midori e tè verde. E per finire? Sfera di cioccolato bianco ma sempre laccata di rosso ardore, con un interno di bavarese speziata con l’aroma inconfondibile e unico delle fave di tonka. E poi si sa “Viaggiare è come innamorarsi: il mondo si fa nuovo…“(Jan Myrdal)

U-BahnVia 1º Maggio, 60131 Ancona AN

2. COSA REGALARE

Gli Amarantini: biscottini che passione!!!

biscotti regalo san Valentino

Partendo dal presupposto che io adoro la biscotteria secca artigianale ma che scegliere una tipologia piuttosto che un’altra mi ha sempre destabilizzato gettandomi in una crisi profonda, quando ho trovato un mix di biscottini di alta qualità  made in Marche tutti diversi in un’unica confezione per me è stata apoteosi. La prima volta li ho assaggiati con un bicchierino di vino di visciole da Ristorante Amaranto’s  (li portano come dessert su una tavoletta di ardesia direttamente nel sacchettino in modo che se non finiscono basta richiudere la confezione e portarla a casa…bella idea!) e già erano andati dritti dritti al cuore. A farli è Mara (ispirata dal “bell’ Antonio” chef),  il cui tocco magico crea piccole dolci squisitezze che farebbero intenerire e capitolare anche il cuore più algido e meno goloso.  Per San Valentino ha pensato a una Special Edition in confezione bianca con finestrelle a cuoricino. Cosa troverete all’interno? Dai biscottini “ubriachi” 100% Made in Marche  sia al Rosso Conero che al Varnelli, a quelli sfiziosi al limone, ai miei preferiti speziati: Miele e Cannella e Amaranto e Cioccolato fondente. Un piccolo pensierino,  dolce ma non stucchevole, adatto sia alla colazione (con un buon tè) come a un dopo cena (con un Passito o una salutare tisana). Perchè sono speciali?  Valorizzano il nostro territorio e risultano ogni volta  una piccola sorpresina per il palato, diversa per forma, gusto, farine e dimensioni ….

Evviva gli Amarantini, evviva l’amore…”La vita è dolce se glielo concedi”…

Ristorante Amaranto’s via Adriatica 28, SS16 km 318,6, Castelfidardo AN

3. COME SEDURRE

Antipasto “Dire, fare, giocare…preliminari e addolcimento!”

finger food : San Valentino

In amore vince chi fugge o chi assaggia? Come pensare al San Valentino senza coinvolgere il più giocherellone, fantasioso e passionale chef marchigiano che io conosca? La ricetta ha questi ingredienti: Amore, gioco, fantasia e seduzione! L’antipasto si chiama “Fragustoepassione” e se tra moglie e marito è meglio non mettere il dito fra amanti mettiamoci un sacco di cucchiaini. Avete presente gli Shangai? L’estro di Enrico Mazzaroni ha pensato di riprendere il gioco e “gettare” al centro del tavolo in ordine sparso sei cucchiaini. Toccherà poi al cameriere riempirli e invitare i  due ospiti a imboccarsi a vicenda. La cosa divertente è che le piccole porzioni sono tutte diverse quindi le strategie sono due: o scegliere di offrire il “finger food” più gradito al tuo partner  (l’amore generoso) o quello che ti ispira di meno (l’amore egoista)  in modo che i tuoi preferiti  rimangnoa a te!  Cosa trovate  nei cucchiai? Potrebbe cambiare ogni serata, io o ho assaggiato 4 proposte di pesce:  una piccola rosellina con scorfano al profumo di fiori, una seppiolina con crema d’aglio e arancio, tonno crudo con wasabi e petali di tonno essiccato (il mio preferito!), palombo con salsa d’uovo e prosciutto “alla carbonara”; e due cucchiai di carne: rosellina con filetto di piccione (crudo e cotto…sapore strong!) e una coscetta di quaglia ripiena di foie gras. Sicuramente il gioco stimola i sensi, la vista è appagata e l’attesa crea desiderio.  Finché il tripudio di consistenze  conquista definitivamente il palato, seducendolo con sapori diversi e sorprese inaspettate. E per concludere? dolci Tentazioni…bolle di sapone mangiabili, o scoppiabili con un bacio!

Tasting_ Fragustoepassione

Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione.
(Platone)

Il Tiglio in Vita, Viale Scarfiotti, 47, Porto Recanati MC